In Evidenza In evidenza

ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO: INDICAZIONI OPERATIVE PER L’AZIENDA OSPITANTE

SOSTENIBILITÀ: I NUOVI TREND PER LE IMPRESE DEL FA

L’Alternanza Scuola-Lavoro (ASL) è una metodologia didattica che permette agli studenti di svolgere una parte del loro percorso formativo presso un’impresa, combinando la preparazione scolastica con l’esperienza assistita sul posto di lavoro al fine di acquisire competenze operative-relazionali e di raccogliere strumenti utili per orientarsi nelle scelte universitarie o professionali.


Si sottolinea che gli studenti in ASL sono totalmente equiparati ai lavoratori sotto il profilo della tutela della salute e sicurezza negli ambienti di lavoro, pertanto l’Azienda Ospitante deve aver ottemperato agli obblighi vigenti in tema di valutazione dei rischi (è possibile a tal fine l’uso dello “schema di integrazione del DVR”, che si allega), informazione-formazione-addestramento, sorveglianza sanitaria, fornitura dei dispositivi di protezione individuali e copertura per infortuni presso Inail (è opportuno verificare con la scuola che lo studente sia tutelato sia per infortuni accaduti presso l’azienda ospitante/cantiere sia per l’infortunio in itinere occorso nel tragitto che dall’abitazione privata conduce presso l’azienda ospitante/cantiere).

I rapporti tra Azienda Ospitante e Istituzione Scolastica devono essere regolati da un’apposita Convenzione che definisce sia gli oneri di entrambe le Parti sia gli ambiti didattici dello specifico “progetto formativo” e per favorire l’interazione tra Scuola e Imprese, Confartigianato Veneto ha messo a disposizione un modello di Convenzione (in allegato) di cui si raccomanda l’utilizzo.

A seguito di quanto detto, si consiglia all’Azienda Ospitante di verificare, prima di firmare la Convenzione, se lo studente ha già effettuato la visita medica, i corsi di formazione (generale + specifica per un totale di 16 ore) e se è in possesso di dispositivi di protezione individuali idonei.
In caso positivo, l’Azienda Ospitante deve farsi consegnare copia della documentazione dalla Scuola (giudizio di idoneità medica e attestati formativi) per valutarne, anche in collaborazione con il proprio Medico Competente, la compatibilità con i rischi della mansione/operazioni che saranno svolte dallo studente e deve valutare l’adeguatezza dei DPI in possesso.
In caso negativo, spetta all’Azienda Ospitante sanare le lacune al fine di garantire allo studente una tutela in tema di salute e sicurezza sul lavoro pari ad un qualsiasi altro lavoratore.

In ogni caso l’Azienda Ospitante deve:
- fornire allo studente informazioni in merito alla propria organizzazione aziendale (figure per la sicurezza, logistica, procedure di lavoro, procedure di emergenza etc.)
- addestrare lo studente allo svolgimento delle operazioni di lavoro assegnate.

Per informazioni:
Marta De Nardo, m.denardo@am.confart.tv - T. 0423.527906