In Evidenza In evidenza

LIMITE DEL CONTANTE A 2.000€

LIMITE DEL CONTANTE A 2.000€

Dal 1° luglio soglia per i contanti al di sotto dei 2.000 euro

A partire dal 1° luglio 2020 e fino al 31 dicembre 2021, salvo proroghe attualmente non previste, il limite (non raggiungibile) all’utilizzo dei pagamenti in contanti in unica soluzione e il trasferimento di titoli al portatore scenderà da 3.000 a 2.000 euro. A decorrere dal 1° gennaio 2022, il predetto divieto e la predetta soglia sono riferiti alla cifra di 1.000 euro”.
Contestualmente sarà abbassato anche il minimo delle sanzioni comminabili, dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021 il minimo edittale, è fissato a 2.000 euro. Per le violazioni commesse e contestate a decorrere dal 1° gennaio 2022, il minimo edittale, è fissato a 1.000 euro”.

La legge, vieta i trasferimenti di contante pari o sopra soglia effettuati tra “soggetti diversi”, intesi come “distinti centri di interesse”, che eseguono il pagamento o lo ricevono, che possono essere persone fisiche o persone giuridiche. Nessuna violazione, invece, andrà a configurarsi per l’imprenditore persona fisica che prelevi utile ultra soglia dalla sua ditta individuale o conferisca denaro per finanziare la propria attività.

Va evidenziato che la nuova soglia, oltre che per chi concretamente commette l’illecito (colui che paga) o collabora alla sua commissione (accettando il pagamento ultra soglia), coinvolge anche tutti i soggetti destinatari degli obblighi antiriciclaggio fra cui le attività professionali. Infatti, hanno l’obbligo di comunicare al MEF (di norma alle Ragionerie territoriali dello Stato) le infrazioni di cui hanno contezza nell’espletamento della propria attività.

In particolare, il superamento dei limiti della soglia può essere rilevato nella gestione delle contabilità ordinarie dei propri clienti. In tali situazioni, infatti, oltre alle registrazioni di fatture (in acquisto o vendita) pagate in contanti dai clienti in unica soluzione o alle fatture ultra soglia riepilogative di fine mese, con pagamenti cumulativamente sovra soglia, potrebbero rilevare nell’ambito societario anche i finanziamenti dei soci in contanti e i prelievi di utili. Per le omissione di comunicare l’infrazione la sanzione minima rimarrà a 3.000 euro.

Informazioni
Ufficio Fiscale e contabilità. T. 0423 5277