In Evidenza In evidenza

REFERENDUM AUTONOMIA DEL VENETO 22 OTTOBRE

REFERENDUM AUTONOMIA DEL VENETO 22 OTTOBRE

Il Referendum è un’occasione importante per un SÌ informato e consapevole.

L’impegno che Confartigianato chiede a tutte le forze venete non si esaurisce affatto con il Referendum, ma si rafforza con l’avvio del negoziato ed è una chance preziosa per rilanciare un nuovo regionalismo rafforzato, necessario per completare il disegno regionalista partito nel 1970 adeguandolo alle sfide odierne.

In queste poche righe i contenuti del documento sul prossimo Referendum Veneto, elaborato da Confartigianato - assieme ad altre associazioni regionali delle imprese, dei professionisti e del lavoro dipendente - con la collaborazione di esperti in tema di autonomia, è stato consegnato al Governatore Luca Zaia da parte del Comitato Direttivo di Confartigianato Imprese Veneto.
Un corposo documento in cui si indicano gli ambiti che il mondo artigiano auspica vengano presidiati dopo il Referendum del 22 ottobre 2017.
Per vedere il video cliccare qui 

Confartigianato vota SÌ e ne spiega le motivazioni.
Il percorso iniziato ci impegnerà nel lungo periodo, un impegno richiesto che si dovrà tradurre in una piattaforma condivisa di medio periodo, capace di avanzare lungo il sentiero dell'autonomia regionale in modo indipendente dalle formule governative.
I 5 punti:
- L'autonomia regionale come condizione di un nuovo Stato delle autonomie
- L'autonomia competitiva, occasione per un Veneto più sfidante
- La giustizia di pace come ulteriore materia di differenziazione
- Più autonomia in attività produttive, agricoltura, turismo, artigianato, commercio e lavoro
- Regione, Province, enti locali: una possibile nuova frontiera

In allegato la posizione di Confartigianato sul referendum e la lettera del Presidente Regionale Agostino Bonomo: "Referendum 22 ottobre 2017: Non è banale, non è privo di significati, né scontato. I veneti hanno l’occasione per dare una spinta determinante al negoziato che tanti di noi auspicano, sostengono e mi auguro sosterranno."