In Evidenza In evidenza

AUMENTO PREZZI MATERIE PRIME: ╚ ALLARME GENERALE

AUMENTO PREZZI MATERIE PRIME: È ALLARME GENERALE

In seguito ad un vertice tenutosi tra i rappresentanti delle categorie di mestiere del territorio, Confartigianto Imprese AsoloMontebelluna ha lanciato l'allarme: l'impossibilità di produrre per mancanza di materie prime non inciderà solo sulle aziende della produzione manifatturiera industriale e artigianale, ma anche sui consumatori finali, che potrebbero assistere ad un vertiginoso aumento dei prezzi.

Dalla meccanica al legno, dall'impiantistica alla componentistica, dall'edilizia agli alimentari, tutte le categorie di mestiere hanno espresso le proprie perplessità e preoccupazioni sul fenomeno. A causa della fiammata dei prezzi delle materie prime a livello mondiale dovuta principalmente agli ordinativi da parte di Cina e Stati Uniti e dai meccanismi speculativi gestiti dalla finanza internazionale, tutte le materie prime hanno infatti registrato aumenti anche a tre cifre nel giro di pochi mesi, con casi di esaurimento delle scorte. 

Il presidente di Confartigianato Imprese AsoloMontebelluna ha espresso il proprio disappunto: “Da Europeista convinto, mi dispiace constatare questa nuova – e grave - problematica, una nuova debacle per il nostro continente che sta già subendo le conseguenze della gestione poco chiara e tempestiva della pandemia e una poco coordinata gestione del piano vaccinale. Le aspettative di rilancio post-pandemia potrebbero essere in parte vanificate da questo fenomeno”.

“Da parte nostra, come Associazione” ha aggiunto il direttore Faganello “cercheremo di dare assistenza alle aziende sul piano della tutela contrattuale sui preventivi: è indubbio che l’impresa non debba potersi svincolare senza responsabilità da impegni assunti in situazioni normali, ma ora la situazione è decisamente eccezionale e come tale può essere fatta valere la clausola di forza maggiore. Va rivista, in particolare negli appalti pubblici, la clausola della revisione prezzi, che, ad oggi, risulta depotenziata.”

Per approfondimenti si allegano:
- COMUNICATO STAMPA
- RASSEGNA STAMPA

Per maggiori informazioni:
Area Sindacale: m.denardo@am.confart.tv - T. 0423527906